Altre Destinazioni

Birra Artigianale, in Tuscia c’è fermento. Birra Turan.

“Mi ricordo, sì, io mi ricordo…” E’ così che potrei iniziare questo articol. Mi ricordo quando l’amico Zanna, al secolo Massimo Serra, lasciò Roma per trasferirsi sul Lago di Bolsena e aprire l’ArtoCafè. Mi ricordo la sorpresa e il piacere che provai quando, qualche tempo dopo, venni a sapere che dopo essere passato dalla parte opposta del bancone aveva fatto un ulteriore salto mortale e insieme all’amico Orazio Laudi aveva fondato una Bottega Birraia Artigianale dal curioso nome che mi spiegarono richiamare quello della Dea Etrusca dell’amore e della fertilità. Ricordo con emozione la prima visita al birrificio di Montefiascone nella sua prima, acerba versione 1.0. Poco più di un magazzino. Poche, basilari attrezzature e tanto entusiasmo. Passione, ma anche voglia di crescere sia per dimensione, certo, ma anche nella qualità e nella conoscenza che porta alla qualità.

Ci sono ritornato più di recente, nella sede nuova di Bagnaia a pochi km da dove tutto era cominciato, per toccare con mano come nel frattempo è andata avanti l’avventura della birra Turan.
A giudicare dalle dimensioni del nuovo capannone si direbbe che le intenzioni siano decisamente ambiziose: nuovi fermentatori, un tino di rimescola da 15hl e una riempitrice automatica da 1000 bott/h, oltre a sei sale termoregolate per differenti usi rappresentano l’investimento necessario per raggiungere l’obiettivo dei 3000 hl all’anno.

Previsto anche uno spazio Show Room / Degustazione, con pittoresca vista sulle colline di Tuscia. L’impressione è davvero quella che sia stato fatto un salto (un altro…) in avanti verso una dimensione di impresa ben delineata.  Le idee sono tante, ci si muove su diversi fronti dalla promozione (che ha portato Turan addirittura fin sugli scaffali di Eataly) fino alla partecipazione al movimento birrario artigianale laziale, comparto che negli ultimi anni ha avuto un grandissimo impulso e di cui questo piccolo grande birrificio si presenta come una delle realtà di maggior successo. Un esempio tangibile: il progetto La Zia Ale, una birra prodotta “a rotazione” dai birrifici laziali, ognuno nella sua interpretazione, seguendo un disciplinare di ingredienti provenienti esclusivamente dal territorio del Lazio.

 

Birre Stile Gradi
Sfumatura (Ale) – Barleywine & Imperial Stout – Russian Imperial Stout 7,2%
oOps (Special) – Birre con spezie/erbe – Spice/Herb/Vegetable (altre speziate o con erbe) 5,5%
Ultrasonica (Special) – Specialità – Sperimentali e storiche 6,6%
Tuscia (Ale) – Strong Belgian Ale – Belgian Strong Dark Ale 10,1%
Quinta (Ale) – Ale Belghe & Francesi – Saison 5,6%
Sonica (Ale) – Light Ale – Blonde Ale 4,9%
Fugace (Ale) – Bitter & English Pale Ale – Special or Best Bitter 5,5%
Dalhia (Ale) – Brown Ale – Mild 3,5%

Birrificio Turan
Strada Pian del Cerro snc, Bagnaia
01100 Viterbo (VT)
335 5734107

http://birraturan.com

Annunci

One thought on “Birra Artigianale, in Tuscia c’è fermento. Birra Turan.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...