Altre Destinazioni/Locali/The Foodie Biker - I Diari della MotoForchetta

The Foodie Biker goes to Bayern. Di Pullman, Kotoletten e altre sciocchezze. (2/4)

clip_image002

Due sono le formule di consuetudine nei trasferimenti in gruppo di IHM: la sera ci si saluta con: “Domattina appuntamento alle X:XX, colazionati, motore acceso e benzina fatta”. Il mattino seguente, invece, alle X:XX meno un minuto, il prode capocomitiva intona la frase “60 secondi !!!” (alla partenza).
Questo, in genere, mentre tu hai le dita impegnate a pistolare sul navigatore, oppure ti stai infilando i guanti o sei lì al quartultimo tiro della prima sigaretta mattutina. Ma fa tutto parte del gioco e in fin dei conti, quando ci si muove in più di 4/5 moto insieme, un po’ di disciplina è indispensabile se non si vuole arrivare a destinazione a notte inoltrata. Ad ogni modo un buon casco modulare puo’ essere d’aiuto, specie per i fumatori… J

La prima tappa (senza sosta…) è il Passo del Falzarego. Piacevole come sempre da guidare, salvo i tratti in cui, come ogni mattinata d’estate, si palesa il problema di sorpassare ogni tipo di fauna tipicamente Dolomitica: facili i ciclisti, anche quando viaggiano appaiati a misurarsi la precisione dei rispettivi cardiofrequenzimetri, meno facili i SUV di ogni nazionalità, impegnativi i detestati camper, sovente vecchiotti e scarburati. Ma la vera Kobayashi Maru del motociclista alpino sono I PULLMAN DELL’ATESINA: mostri di 18 metri dal colore improponibile che fanno servizio sue giù per i tornanti dei passi delle Dolomiti. Sorpassarli è impresa ardua e rischiosa, al punto che spesso ci si affida al momento in cui si dovranno fermare in punta a un tornante per dare precedenza a un mezzo che sopraggiunge in discesa. E’ proprio nel momento del “deal” tra i due autisti che il prode biruotato si infilerà salutando la compagnia.

clip_image004

Il caffè a Dobbiaco è cattivo come solo in Alto Adige può essere, ma d’altronde sarà l’ultimo espresso da qui al ritorno e poi la fermata prima di svalicare ormai è una tradizione. Attraversata San Candido siamo in Austria: si passa per Lienz e poi si punta verso nord in direzione Kitzbuhel, attraversando il Tirolo Orientale, e letteralmente “bucando” i Monti Tauri. Per la modica somma di euro 10 si percorre la strada ampia e scorrevole che comprende il lungo e nuovissimo doppio tunnel.

clip_image006

Un ultimo sforzo e siamo finalmente in Germania. Lungo la strada abbiamo incontrato gli altri due gruppi di amici che ci faranno compagnia, ormai il serpentone supera la decina di moto. A Prien, sul Lago Chiemsee troviamo ad accoglierci un caratteristico trenino a vapore tuttora funzionante e un caldo pazzesco che invita a fermarsi nel primo biergarten per la sosta pranzo. I colori bianco e blu della bandiera bavarese sono presenti un po’ ovunque. Birra e assortimento di kotoletten mit pommes, spatzle und salsen per l’allegra combriccola.

clip_image008

La seconda parte della giornata è un veloce trasferimento fino alla destinazione finale: Motociclisticamente la strada non presenta grandi emozioni: grandi statali quasi dritte, l’ultimo pezzo addirittura in autostrada, che si è fatto tardi. Più ci si avvicina alla foresta bavarese più si fa bello il paesaggio circostante, fino all’ultimo tratto: l’attraversamento (in salita) del bosco che separa l’infinita pianura da Sankt Englmar, con la consueta sosta per fotografare il caratteristico villaggio meccanizzato degli gnomi, continuamente alimentato dallo scorrere del piccolo torrente a fianco. E’ pomeriggio inoltrato quando finalmente arriviamo a destinazione: l’Hotel Sonnenhugel di Barbara e Thomas sarà la nostra casa per i prossimi 4 giorni. Benvenuti in Baviera, finalmente.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...