Eventi/Ricette

La Festa dell’Uva e del Vino di Bardolino: tra Chiaretto, Polenta e un Risotto un po’ speciale.

Se, da 84 anni a questa parte (ragguardevole numero delle edizioni tenutesi finora) non siete mai stati alla Festa dell’Uva e del Vino di Bardolino (Vr) non sapete che cosa vi siete persi. Il Foodie conosce molto bene questo meraviglioso borghetto sulla sponda veronese del Garda, avendoci passato diverse estati una dietro l’altra quasi “anta” anni fa.

clip_image001

Una festa vera, non la solita sequenza di bancarelle di olive e cianfrusaglie: ci sono i produttori del Consorzio dei vini locali che distribuiscono Chiaretto E Bardolino, ma soprattutto c’è spazio per tutte, ma proprio tutte le associazioni della zona. Dalla squadra di Tamburello all’Associazione dei Marinai, passando per la Scuola di Vela e il Motoclub, tutte hanno il loro bel banchetto dove propongono le specialità della zona, per un’offerta ricca, varia e golosissima. Ci sono i wurstel e le patatine per far contenti i tanti turisti tedeschi – che sul Garda non mancano mai – ma soprattutto ci sono tutte le specialità tipiche del posto: Luccio e Polenta, Panini cono la Soppressa, Cotechino e Pearà, ma soprattutto la mia eterna passione: il Risotto col Tastasal, in particolare quello che servono allo stand degli Alpini.

clip_image002

L’ingrediente principale e l’origine di questo piatto sono curiose: il tastasal altro non è se non l’impasto di carne macinata e spezie in procinto di diventare salame. La tradizione vuole che le massaie della bassa veronese (Isola della Scala, Trevenzuolo, Vigasio, luoghi in cui all’eccellenza del riso si dà del tu…) preparassero questo risotto proprio per verificare la giusta salatura del salame: “tastare il sale”. Il Foodie, prendendola in prestito dalla Rete, vi propone la ricetta, ma vi consiglia di mettervi il cuore in pace: difficilmente il Risotto vi verrà buono come quello dello Stand degli Alpini di Bardolino. Vi mancherà l’esperienza di decine di edizioni della Festa, ma soprattutto mancherà l’elemento fondamentale: l’atmosfera magica e l’aria di questo luogo fantastico. Un bicchiere di Chiaretto, nel caso, non potrà che migliorare la situazione. Salute !!!

clip_image004

INGREDIENTI (4 PERSONE)

350 g di riso;
350 g di tastasal;
100 g di burro;
1 spicchio di aglio;
cipolla; noce moscata;
parmigiano a piacere;
brodo di carne q.b.

PREPARAZIONE

versate il riso nel brodo bollente e mescolate lentamente, reintegrando se necessario il brodo. Frattanto, in un tegamino preparate il ragù, rosolando il tastasal nel burro insieme con la cipolla tagliata a strisce sottili e con uno spicchio di aglio. A tre quarti cottura unite il tastasal al riso, amalgamandolo bene; infine, spolverate con parmigiano grattugiato e, a piacere, con un pizzico di noce moscata. Una variante di questa ricetta consiste nell’aggiungere il ragù e il formaggio in due successive riprese: una prima metà a tre quarti della cottura, e la seconda al momento di servire.

clip_image005

Piesse: la Festa dell’Uva e del Vino di Bardolino si tiene tutti gli anni, il primo weekend di ottobre. Per quest’anno ormai è tardi, ma per il prossimo fateci un pensierino…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...