Altre Destinazioni/Locali

A Modena, un viaggio ai Confini della Galassia. (2/2) – Da Panino.

_Immagini-5

Ovvero: “Guida Galattica per Gastrostoppisti” – Leg 2”. La seconda tappa dell’estemporaneo foodie-tour modenese è dedicata a soddisfare una piccola, personale curiosità. Della creatura di Giuseppe Palmieri, maitre dell’Osteria Francescana (che si trova a pochi metri…) avevo cominciato a leggere su Social e Blog di riferimento ben prima dell’apertura, quale migliore  occasione per toccare con mano ? Con l’inseparabile smartphone a mo’ di lanterna di Diogene, punto su Rua Freda 21, risoluto a dare una risposta almeno alla prima, delle mie domande, la più semplice, ossia:  Che cos’è ?

Eh, bella domanda, alla quale, sono sincero, anche dopo la mia visita, non sono riuscito a dare una risposta definitiva. E’ una bottega, certo. C’è un bancone, ci sono i prodotti in vendita ma definirla, come avevo pensato, una salumeria fighetta è quantomeno riduttivo. Di certo non è un posto nel quale entrare e uscire col cartoccino di salume sotto braccio, né tantomeno dove farsi preparare e consumare al volo un paio di fette di pane farcite di ancorchè ottima mortadella, nossignore.

20140118_174514_Richtone(HDR)

Ci sono almeno un paio di elementi che lo rendono un luogo speciale. Allunghi l’occhio e lo vedi, nell’altra stanza, quell’unico tavolo, massimo una decina di posti a stringersi bene, ecco, quello è già il primo plus.  Ci si accomoda dopo avere ordinato lambrusco e pane di Matera con Porchetta di Ariccia, peperoni e salsa bbq, ci sono altre tre persone che consumano una estemporanea merenda a base di affettati. Salutarsi è d’obbligo, entrare in confidenza con chi condivide con te lo stesso desco è un attimo, soprattutto se, come è capitato a noi, dopo pochi minuti arriva Giuseppe Palmieri in persona a condurre le danze.

Ed è qui che mi accorgo che il vero valore aggiunto di Panino non sono i prodotti, o perlomeno non sono solo quelli. Non lo sono il Parmigiano-Reggiano, l’Aceto Balsamico, il Lambrusco, incontrastati padroni di casa, nè lo sono le bontà della gastronomia italiana che a rotazione compariranno a banco come autentiche guest star: il Pane di Matera, la Ventresca di Tonno allitterato, la Porchetta di Ariccia, le Mozzarelle di Bufala, gli ottimi Gorgonzola, la Mostarda di Cremona e tante altre eccellenze, aldilà dell’aspetto materiale, quello che si ritrova, entrando in questo antro dal sapore antico è l’umanità.

20140118_174645

Due chiacchiere, il gusto per le cose semplici, un’arancia pelata a vivo, condita con olio e fava secca sbriciolata diventa il pretesto per parlare dei tesori di cui molto spesso siamo ricchi senza saperlo, della necessità per l’uomo moderno di una rieducazione al gusto. C’è chi ha detto che con con la cultura non ci si puo’ cibare. Niente di più sbagliato, ovviamente, talmente sbagliato che è vero anche il rovescio: si puo’ fare cultura anche attraverso il cibo. Qui e ora.

Generi Alimentari DA PANINO
Rua Freda, 21 a MODENA
in CENTRO – Zona S.Francesco
Tel. 059.8754382

aperto dal LUNEDI al SABATO
dalle 10:00 alle 22:00

www.facebook.com/dapanino

Annunci

One thought on “A Modena, un viaggio ai Confini della Galassia. (2/2) – Da Panino.

  1. Pingback: Galassia Modena, il viaggio continua: Archer – Ispirazioni deliziosamente quotidiane. | The Foodie Fighter

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...