Altre Destinazioni/Locali

Mangiare Sovversivo (1/x). Adriano Liloni – Trattoria Pegaso – Gavardo (Bs)

clip_image002

In un luogo nomato Soprazocco di Gavardo, in provincia di Brescia, non ci si puo’ capitare per caso, mai. Due sono gli elementi necessari e sufficienti per portare il Foodie fin qui, sulla sponda bresciana del Garda: un navigatore satellitare aggiornato e l’eco della fama di Adriano Liloni.

“Sovversivi del Gusto” si sono definiti. Ristoratori, produttori, vignaioli, semplici appassionati. Sovversivi perchè sfuggenti alle ferree e avvilenti regole del mercato globale, sovversivi rispetto all’omologazione culturale del cibo e del bere, obbedienti alle sole regole che dovrebbero valere per chi vive e lavora di terra: le regole della terra, appunto.

clip_image003

Adriano Liloni è di sicuro uno degli interpreti più conosciuti di questo movimento. Leggendolo e conoscendolo sulla Rete mi era venuto di paragonarlo a una sorta di pirata d’altri tempi: linguaccia affilata come una spada e modi spicci, pochi fronzoli, tanta sostanza. Alla prova dei fatti ho realizzato di non esserci andato poi troppo lontano, a cominciare dal percorso piuttosto arzigogolato che porta fino al suo covo”, qui tra le colline che sovrastano Salò.

clip_image004

clip_image005

La sua cucina è istintiva, a tratti rude. Nessun compromesso se si tratta di scovare la materia prima migliore, che si tratti del formaggio stagionato Bagoss (di cui in queste zone si va giustamente orgogliosi) per l’insalata del pastore, della Pluma di Pata Negra che di lì a poco transiterà sulla nostra tavola appoggiata su roventi mattoni di Sale dell’Himalaya o del pregiato filetto di Angus Irlandese, dal marcato sentore di fegato o financo una giardiniera casalinga con le verdure dell’orto. Nessun compromesso neppure se si tratta di abbinare la polvere di caffè alla zucca e agli amaretti della pasta ripiena, oppure la potenza di peperoncino e cioccolato ultrafondente per un dessert che lascia prepotentemente il segno.

clip_image006

In sala, il nipote, Simone.
“Sei un sommelier ?”
“Macchè, solo un appassionato, però mi piace approfondire.”
E parte a discorrere di vino, vigna, tecniche di produzione con al cospetto dell’eterogenea tavolata, della quale fanno parte persone che (ma tu guarda i casi…) del vino fanno il proprio mestiere. E lo fa con una competenza, una memoria degli assaggi tale da lasciarti a bocca aperta, la stessa tranquilla sicurezza che sfoggiava qualche minuto fa, mentre deliziava la compagnia suonando il pianoforte a muro posto appena fuori la porta della cucina. Se Adriano “lo sconcio” è il capitano di questo vascello pirata finito nonsisacome ancorato fuori dal lago, il nipote ha il fisico e la verve per esserne il suo nostromo.

Salpate le ancore…

clip_image008

===================================
IL MANIFESTO DEI SOVVERSIVI DEL GUSTO
===================================
“Quando da ragazzo studiavo la comune di Parigi e mi immaginavo con una bandiera in mano a difendere la libertà, avevo un’idea della sovversione ben lontana dall’insaccare un salume, vendemmiare in collina o usare il caglio naturale e il latte crudo per produrre un grande formaggio. Dopo ho scoperto che tanti pensatori a me cari, grandi e piccoli, incontrati in percorsi trasversali, legati da un filo che parte da Petr Kropotkin, per arrivare a Luigi Veronelli, passando attraverso Henry Thoreau, Lev Tolstoj, Rudolf Steiner, Ivan Illich e tanti altri, avevano capito, ben prima di me, il valore sovversivo non solo della terra, ma dei suoi prodotti, dei suoi sapori e anche, per quanto sia un’espressione abusata, dei suoi saperi.

Detto questo domattina parto per un viaggio tra una serie di appassionati e passionali produttori di cose buone che si sono riuniti sotto il nome di Sovversivi del Gusto. È un viaggio che farò fisicamente, azienda dopo azienda, vigneto dopo vigneto, di casa in casa, insieme al fotografo Marco Salzotto. Ne nascerà un libro, la continuazione di Diario di una passione terrena, con foto di Marco, racconti miei e degustazioni di Franco Ziliani. Del viaggio, compatibilmente con la stanchezza, parleremo ogni giorno. Seguiteci, ci sarà da sovvertire. E anche da divertirsi. “

Di Michele Marziani (del 17/08/2008 @ 11:59:21, in Tra i Sovversivi del gusto)

TRATTORIA PEGASO
Via Tomini, 72
Soprazocco di Gavardo (BS)
0365 372719

http://www.trattoriapegaso.it/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...