The Foodie Biker - I Diari della MotoForchetta

France DeTour 2017, partirono in moto e tornò in treno (ma felice). Prima parte: di Leoni e di Champagne.

okokokokokoko

PRIMA PARTE: Partiamo dalla fine: chi mi segue sotto uno dei miei millemila differenti profili sa già dei guai patiti dal Panzer lungo la via del ritorno: la leva della frizione senza più vita e la moto mestamente caricata sul carro attrezzi a 1000 km da casa. Un brutto inconveniente, certo, ma che fortunatamente non ha tolto quasi nulla alla soddisfazione di un viaggio davvero ricco di emozioni e di luoghi da raccontare.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

“Foie Gras”, aveva detto l’amico Cippo lanciando l’amo per invogliarmi a varcare le Alpi in direzione nord-ovest; “Champagne” avevo risposto io per non essere da meno: ne era scaturito un animato scambio di sfilze di waypoint GPS via whatsapp, al grido incrociato di “Bè, a questo punto potremmo andare anche a [$Luogo], la città del [$Cibo]” che alla fine, unendo i puntini, era già un itinerario di viaggio fatto e finito, seppure lungo più o meno il doppio dei km umanamente percorribili nel tempo a nostra disposizione.

20170820_FranceDeTour_001-057

Qualche sforbiciata in qua e in là ed eccoci in marcia, costeggiando il Lago di Ginevra verso la destinazione della nostra prima tappa e mezzo, strategicamente posizionata un passo dentro il territorio francese, onde evitare cene e pernottamenti nella vicina e dispendiosa Svizzera.  A Belfort la prima (ri) scoperta, di cui avremmo avuto riprova anche successivamente: nonostante tra una città e l’altra la Francia sia motociclisticamente e turisticamente tutta terra da arare, è altrettanto vero che anche nei piccoli centri è facile trovare luoghi e locali piacevolmente degni di nota.  In particolare in estate anche i piccoli paesi brulicano di un’inaspettata vita serale, fatta di locali come questa  “Bouche à l’Oreille”, un piacevolissimo bistrot sulla piazza principale della cittadina, dominata dall’imponente roccaforte all’interno della quale è custodita la statua del Leone di Belfort, una gigantesca scultura di 22 metri di lunghezza per 11 di altezza omaggio all’eroica resistenza da parte dei cittadini durante l’assedio del 1870-’71.

20170820_FranceDeTour_001-054

Per raggiungere Reims, prima tappa del nostro pellegrinaggio enogastronomico, percorriamo le strade tortuose e divertenti tra i Vosgi e lo Jura, prima del tratto finale di una sessantina di 60 km disperatamente dritti che tagliano l’infinita distesa di campi coltivati a destra e separano la cittadina di Bar-Le-Duc dalla destinazione finale. Ma ne varrà la pena: ad accogliere i viaggiatori all’ingresso del capoluogo c’è il variopinto castello-bomboniera sede di Pommery. Dopo due giorni di viaggio finalmente è tempo di Champagne.

20170820_FranceDeTour_001-028

Tra le major con sede nel capoluogo è consigliabile la visita alle Caves Taittinger (per fare i fighi pronunciatelo bene, si dice “tètangè”). Una lunga scala a chiocciola  conduce all’ingresso del labirinto di cantine scavate nel gesso che si estende nel sottosuolo del centro cittadino,  fin sotto la cripta dell’antica abbazia di Saint-Nicaise del XII secolo, distrutta durante la Rivoluzione Francese.

20170820_FranceDeTour_001-010

Vale la pena una visita alla Cattedrale della città, capolavoro del gotico rinascimentale, prima di rimettersi in marcia per pochi km alla volta di Epernay, l’altro grande centro di produzione del nobile vino frizzante, la cui principale attrazione è certo l’Avenue de Champagne, una specie di Walk of Fame costellata dalle sedi storiche delle più importanti maison: Moet et Chandon, Mercier, Perrier-Jouet, Pol Roger sono solo alcuni dei grandi nomi che hanno qui lo loro sede di rappresentanza e le cantine di invecchiamento, spesso affiancate da un bar à champagne dove è possibile degustare al calice l’intera produzione.

[Segue – La Disfatta di Chateauroux]

 

Dove Dormire / Dove Mangiare:

Località Nome Indirizzo
Belfort Hôtel Restaurant
Saint-Christophe
Place d’Armes,
90000 Belfort
hotelsaintchristophe.com
+33 3 84 55 88 88
Bistrot
Le Bouche à Oreille
14 Rue du Général Lecourbe,
90000 Belfort
leboucheaoreille-belfort.fr
+33 3 84 21 15 40
Reims Brassserie
Les 3 Brasseurs
73 Place Drouet d’Erlon,
51100 Reims
+33 3 26 47 86 28
Champagne Taittinger 9 Rue Saint-Nicaise,
51100 Reims
taittinger.fr
+33 3 26 85 45 35
Domaine
Vranken Pommery
5 Place du Général Gouraud,
51100 Reims
vrankenpommery.fr
+33 3 26 61 62 63
Epernay Champagne Mercier 68 Avenue de Champagne, 51200 Épernay champagnemercier.fr
+33 3 26 51 22 22
Champagne
COLLARD-PICARD
15 Avenue de Champagne, 51200 Épernay champagnecollardpicard.fr
+33 3 26 52 36 93

Road Book:

Leg. Da Via A Km
0 Bologna Autostrada Postua 317
1 Postua Passi Svizzera Thun / Interlaken 369
2 Thun / Interlaken Besançon Dijon 304
3 Dijon Reims | Epernay 385
4 Reims | Epernay Reims | Epernay 0
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...